Guarda questa immagine:

Cosa ti fa pensare?

C’è spazio, ordine, significato? Ti fa mancare il fiato?

Ora fermati e prova a pensare alla quantità di informazioni che si competono la tua attenzione (attraverso tutti i tuoi sensi). Ogni minuto dal tuo ambiente radio, tv, pc, tablet e telefono interrompono la tua concentrazione. Reclamano la tua presenza, invadendo il tuo giardino mentale. Riesci a percepire la pressione?

Molte discipline si impegnano nel tentativo di far rallentare la TUA mente. Di concederTI un po’ di quiete, di meritato riposo. Tuttavia falliscono o hanno successo se e solo se, TU che sei oltre la mente diventi consapevole che NON SEI I TUOI PENSIERI, e neppure LA QUANTITA’ DI CONOSCENZA CHE HAI ACCUMULATO.

Quindi, alla base di una autentica strategia di successo è necessario che TU crei NUOVAMENTE e proteggi lo spazio per il tuo LAVORO MENTALE riducendo il rumore di fondo. Puoi decidere di iniziare col ridurre il tempo in cui lasci passare informazioni prive di valore immediato. Puoi liberamente scegliere di escludere i suoni che ti circondano, puoi prenderti il tempo di capire se ascolti passivamente la radio (zeppa di pubblicità e pochi veri contenuti). Puoi verificare a che livello di suoneria sono impostate le notifiche su cellulare e tablet. Puoi conquistare il traguardo di limitare la TV ai soli contenuti che sono potenzianti rispetto ai tuoi attuali obiettivi.

Nel giro di qualche giorno ti troverai con l’aver tolto l’80% del frastuono delle comunicazioni SENZA VALORE.

Tranquillo, le INFORMAZIONI che fanno la differenza ti raggiungono senza dover inghiottire il resto delle NON NOTIZIE dei Media. Quello che ti serve sapere ti raggiunge senza imporsi continuamente alla tua attenzione”.  Quando riconquisti il tuo spazio mentale puoi ricominciare ad usare il tuo potere mentale per focalizzarti su cosa vuoi ottenere nella vita.

Quando inizi questo importante percorso posso essere al tuo fianco, come e secondo le tue necessità. Contattami per scoprire insieme come mettere a tua disposizione la mia esperienza.

Commenti