Siamo a giugno, e mentre scrivo questo post guardo intorno a me fiorire la natura. Il mio sguardo si allunga sul verde che ormai ha preso il sopravvento sugli altri colori. Sento una splendida temperatura, annuso i profumi portati dall’aria e mi rallegro della voglia del mio corpo di muoversi ed essere attivo. Ho acceso la musica e lascio scorrere le note delle mie canzoni preferite. Il caffè sta arrivando, sento il suo aroma mentre la caffettiera rumoreggia.

Prendo un profondo respiro e sorrido, e mentre tutto questo piacere mi riempie i sensi realizzo quanto è importante essere in controllo della situazione.

Tu dove sei mentre stai leggendo questo post?
Sei seduto? Sei già in movimento?

Cosa vedi intorno a te? Che suoni senti?
Com’è la tua postura?

Ti starai chiedendo: perché me lo chiede?

Semplice: voglio che tu ti renda conto se sei in controllo.

Prima di iniziare a leggere questo articolo dove ti trovavi? e mentalmente? cosa pensavi?

Puoi pensare che non sia importante, puoi anche accorgerti che fai un po’ fatica a ricordarlo. Succede quando siamo immersi nel nostro sogno ad occhi aperti, quando qualcuno ci richiama dalla trance in cui siamo immersi.

Può essere utile in questi casi prendere un respiro, anche sorridere aiuta. Una volta ho insegnato a una persona, in una sessione di coaching, a tenere volontariamente un sorriso per diversi minuti. Dovevate vedere la sua espressione prima e dopo.

Questo mese che è appena iniziato mi chiedo quante persone hanno già conquistato la libertà e sono  in controllo della situazione.

Ti chiederai: perché?
Ti rispondo con una domanda: tu come ti vuoi sentire? vuoi essere felice, sentire che sei ed hai ciò che ti serve per una vita piena e soddisfacente?

Seguimi un momento, facciamo un po’ di strada insieme…

Una volta un cliente mi ha parlato della sua vita. Si era rivolto a me perché voleva capire come uscire da una situazione che lo rendeva sempre stanco e privo di energie. Viene da me vestito in modo impeccabile. Curato e con i tipici dettagli di chi sa farsi notare con discrezione (orologio giusto, bella camicia, gemelli ai polsi). Mi racconta che ha un bel lavoro e una bella casa. Con il ruolo che ricopre, deve iniziare presto la mattina e tira fino a tardi. Quando l’hanno promosso ha affrontato questo incarico con la sua solita voglia di fare.  L’ambiente di lavoro è buono,  la definisce un”oasi” rispetto a tanti ambienti dove appena può qualcuno prova a farti le scarpe o a parlar male di te. Eppure mi dice: adesso la mia energia non c’è più!

Mentre lo lascio parlare osservo la sua postura, un po’ inclinata in avanti, braccia piegate a chiudersi sul petto, teso nel collo e nelle spalle…

così mi fermo e dico: non stai respirando!

Mi guarda sorpreso e mi dice: certo che respiro! Ed il suo petto si riempie d’aria e le braccia si aprono. Poi si aggiusta le spalle e ricomincia a parlare.

Ho affrontato la vita sempre di petto, sono uno che non si tira indietro “io”, e marca la parola io Eppure oggi, prosegue, mi chiedo se è quello che voglio davvero. E più faccio spazio a questo pensiero più mi passa la voglia di passare tutte quelle ore al lavoro.

Così gli chiedo: se non fossi dove sei adesso, dove vorresti essere?

Con la mia compagna e mio figlio. Ho sempre creduto che un padre debba fare sacrifici per il bene dei propri familiari, ma comincio a credere che non siano i soldi quello che loro si aspettano da me.

Mentre pensi alla situazione che ti sto raccontando come sei? Stai respirando o hai smesso anche tu? Come è la tua postura? Senti ancora i suoni intorno a te?
Te lo chiedo perché, forse, eri ancora immerso nella trance del racconto. Eri sulla ruota dei tuoi pensieri senza sosta.

Avrei potuto semplicemente proseguire il racconto ma ho bisogno che tu torna qui ed ora. E pensa: cosa mi insegna questa situazione?

Esiste un solo posto ed un solo tempo dove puoi agire per cambiare direzione e mi piace pensare che tu lo stia già ripetendo nella tua mente: QUI ed ORA.

Essere in controllo è una abitudine che può essere appresa e quando la applichi alla tua vita, in ogni situazione, puoi decidere per il tuo meglio.

Se vuoi capire come apprenderla e usarla per il tuo meglio, contattami qui

Commenti